\\ : Articolo : Stampa
Appello per Rudra Bianzino e per tutte le vittime dei crimini di Stato in Italia
Di Annalisa (del 30/07/2009 @ 20:47:53, in In Italia, linkato 963 volte)

Questa volta non stiamo  parlando del Messico della guerra sucia o quello più vicino a noi di Felipe Calderón dove ancora oggi si registrano  casi di sparizioni forzate di persone. Non stiamo parlando dell’Argentina dei 30.000 desaparecidos o del Chile di Pinochet. Quello che segue  avviene in Italia.
 
Il 12 ottobre del 2007 vengono arrestati  nella loro  casa  di "Le Caselle", una frazione di Pietralunga, poco distante da Città di Castello  e condotti  nel carcere di Perugia, Aldo Bianzino un ebanista di 44 anni  e la sua compagna Roberta Radici con l’accusa di spaccio e detenzione di marijuana.
 
In realtà si trattava di poche piantine ad uso personale e Roberta fu rilasciata dopo due giorni mentre nel casolare in aperta campagna erano stati lasciati soli la madre ultranovantenne di lei e il figlio tredicenne della coppia.
  
Dopo due giorni Aldo viene trovato morto in cella. Inizialmente si pensa a un problema cardiaco ma la successiva autopsia sfata ogni ragionevole dubbio dal momento che Aldo godeva  di ottima salute. L’autopsia  parlò di danni al cervello, emorragie interne,  lesioni a milza e fegato, e alcune costole rotte.
 
A seguito di  una serie di diversi comunicati, smentite, perizie e contro perizie “sembrerebbe accertato” che Aldo sia morto per un aneurisma cerebrale mentre  restano confermate le lesioni al fegato che sarebbero state  provocate (evento quanto mai raro) da un massaggio cardiaco particolarmente violento.
 
Presentata quindi la richiesta di archiviazione del caso, che tuttavia continua a suscitare notevoli dubbi (se ne interessò anche Amnesty International), a questa si è opposto  il  Gip Massimo Ricciarelli, accogliendo  così l’istanza presentata in tal senso dai familiari di Aldo.
 
Nel frattempo Rudra il figlio  di Aldo è rimasto veramente solo, è morta prima la nonna e poi anche la mamma Roberta, in attesa di un trapianto di fegato e sofferente di una malattia che probabilmente si è aggravata in seguito agli eventi.
 
Il blog di Beppe Grillo ha lanciato un appello per Rudra Bianzino e un parlamentare, Antonio Palagiano dell'Italia dei Valori (e-mail), ha risposto all'appello per Aldo Bianzino e ha depositato un'interrogazione parlamentare sulla sua morte. Aspettiamo ora la risposta del ministro della Giustizia Alfano.

Bianzino

 
Ringrazio l’amico Carmelo Sorbera di  Qui News che ha seguito fin dall’inizio il caso Bianzino e continua a farlo tutt’ora. Inoltre sul sito Lettera 22 si può trovare un intero dossier sul caso a cura di Emanuele Giordana.
 
E’ importante non dimenticare simili casi, che passano il più delle volte inosservati all’attenzione pubblica. E` importante non dimenticare storie  come quelle di Aldo Bianzino, o di Federico Aldovrandi, ucciso da alcuni poliziotti a colpi di manganello nel settembre del 2005 dopo essere stato arrestato, o di Marcello Lonzi, morto nel carcere delle Sughere l'11 luglio 2003. E’ importante parlarne e ricordare che in Italia, nelle prigioni italiane, sotto le manganellate di  chi sarebbe preposto all’applicazione della giustizia muoiono delle persone. Appena un mese fa sono stati condannati gli assassini di Federico Aldovrandi, Forlani Paolo, Segatto Monica, Pontani Enzo e Pollastri Luca. Tre anni e qualche mese, e la certezza di non passarne nemmeno uno in carcere,  per quello che in altri tempi e altri paesi sarebbe stato definito “omicidio di Stato”.
I poliziotti citati dovrebbero essere come minimo radiati dal pubblico servizio, invece a quanto risulta, stanno ancora regolarmente prestando il loro servizio. Assassini.