\\ : Articolo : Stampa
Sono gli uomini di Chiesa come padre Andrés Tamayo che in Honduras danno la vita per il loro popolo
Di Annalisa (del 29/05/2010 @ 19:11:58, in Honduras, linkato 512 volte)

padre Andrès Tamayo

Questa è la risposta che mi ha inviato il Dr. Romeo Enzo, capo redattore esteri del TG 2 alla mia mail in cui comunicavo la mia (e vostra)  indignazione per l’organizzazione dell’evento in cui era ospite il Mons. Maradiaga:

 

Cara Signora,
Non ci conosciamo ma mi permetta di dirLe che Lei sta gratuitamente rovesciando un cumulo di fango su una persona che da' la vita per il suo popolo, specie per i più poveri. Il cardinale Rodriguez Maradiaga e' un globe trotter della carita', uno che si e' impegnato come pochi per ottenere la cancellazione del debito che pesa sui cosiddetti paesi in via di sviluppo, a cominciare dall'Honduras. Evidentemente, gentile Signora, le sue informazioni sono del tutto inesatte e farebbe bene a spegnere la sua (incomprensibile) acredine verso una personalita' di cui tutta l'America Latina dovrebbe andare orgogliosa.
Saluti.
Enzo Romeo

 

 

Ora è ovvio che il Dr. Romeo è libero di presenziare a tutti gli eventi nel modo che ritiene più opportuno, è anche ovvio però che i cittadini si domandino se è compatibile o meno la sua presenza in qualità di giornalista della RAI (servizio pubblico) in  un incontro , dove non si parla tra l’altro nemmeno di politica e nemmeno di temi legati alla sua professione,  e dove è prevista la presenza di un cardinale considerato dall’opinione pubblica di mezzo mondo come  sostenitore di un colpo di Stato.

 

Piaccia a Romeo (e a Maradiaga) o meno, non sono soltanto io a pensarla così. Ricordo   che per esempio anche il presidente del Brasile (quarta potenza mondiale) Lula da Silva, considera quello avvenuto il 28 giugno del 2009 un colpo di Stato e ricordo che fu proprio il Cardinale Maradiaga ad averlo sostenuto  pubblicamente in più di un’occasione, invitando anche il presidente legittimo Manuel Zelaya a non far ritorno nel paese. Come è andata a finire lo sappiamo tutti. Sicuramente lo sa anche Enzo Romeo. Maradiaga fino a  quel momento era considerato da molti  un cardinale progressista e la sua possibile nomina a papa fu salutata con speranza da numerosi fedeli latinoamericani. E’ incompatibile sicuramente tutto questo con la sua presunta appartenenza all’Opus Dei, struttura da sempre criticata anche da alcuni settori del mondo cattolico per le sue posizioni estremamente conservatrivci e per essere lontana dalle aspirazioni e dal mondo dei più umili.

 

 La sua posizione rispetto al colpo di Stato in Honduras ha deluso molti, moltissimi fedeli ma soprattutto ha deluso il fatto che lui non si sia mai pronunciato per le  morti che quel colpo di Stato ha provocato e per quelle che continuano ad avvenire nel silenzio dei mezzi di comunicazione internazionali, TG2 compreso, del quale il nostro Romeo è capo redattore esteri.  Ha deluso il fatto che lui non si sia mai pronunciato  per uomini di chiesa come padre Andrés Tamayo costretto ad abbandonare l’Honduras in seguito a minacce avute per il  sostegno offerto al popolo honduregno nella lotta contro il colpo di Stato. A padre Tamayo è stata cancellata la nazionalità honduregna e gli è stata tolta la parrocchia nella quale lavorava con dedizione da oltre dodici anni. Siamo sicuri che di tutto ciò il TG2 non ne racconterà mai nulla. Sono gli uomini di Chiesa come Padre Tamayo, egregio  Dr. Romeo, che in Honduras “danno la vita” per il loro popolo e non il Cardinale Maradiaga.  Noi di questo ne siamo sicuri.