\\ : Articolo : Stampa
Lettera dal Cile
Di Annalisa (del 06/03/2010 @ 13:33:12, in Cile/Chile, linkato 544 volte)

Ricevo e pubblico la lettera che a poche ore dal terremoto l'amica Rayen Kvyeh ci ha inviato per rassicurarci sul fatto che stava  bene e per raccontarci ciò che stava avvenendo. Rayen vive a Temuco.
Cara amica, caro amico
Da questa terra, scossa da terremoti e devastata dalle acque, ti scrivo queste poche righe, intrise di sentimenti di dolore e di rabbia.
Il terremoto – tsunami è stato ed è terribile.
Ha trascinato persone, case, ospedali, navi, ponti, strade, assemblaggi elettrici, e così via.
Siamo senza acqua, senza luce, senza cibo, senza trasporti  e senza comunicazioni.
I grandi supermercati che vendono generi alimentari, rimangono chiusi.  Il suoi MODERNI  SISTEMI DI VENDITA, non funzionano. Non importa se il popolo non ha cibo. E’ fine mese e la maggior parte dei settori popolari, si è trovata  con le  dispense vuote aspettando la paga. La disperazione per mancanza di acqua e cibo per i bambini, ha portato la gente ad assaltare  i supermercati in cerca di cibo.
LA MADRE TERRA, TUTTA LA NATURA SI  È RIBELLATA e non funziona nulla.
Il Cile si vanta di essere uno STATO MODERNO E RICCO, tuttavia, la sua modernità è inutile in questi tragici istanti.  L'aiuto dello Stato non raggiunge il popolo affamato, assetato, che piange i suoi  cari scomparsi o morti mentre  i  grandi supermercati, mantengono gli alimenti nei loro lussuosi magazzini, aspettando che vengano ripristinati i  moderni sistemi di vendita. Solo piccoli negozi di quartiere hanno continuato a provvedere  alle popolazioni e hanno ormai esaurito le loro provviste.
La Comunità Lafkenche* sono scappate verso i monti, e nelle valli e montagne sono crollate le case e le cose si sono perse  e loro  sono rimasti isolati.
La catastrofe è grande, il dolore e la sofferenza indescrivibili ed è  grande l’indifferenza di coloro che detengono  il potere economico.
La solidarietà della gente comuove, condividi ciò che hai e ciò che non hai e lì trovi rifugio al dolore e la speranza.
La mia casetta è un disastro, ma ancora regge in piedi ed io sono  e ti mando i miei saluti e il mio abbraccio.
Rayen