\\ : Articolo : Stampa
Rctv e Chávez, stavolta l’ENI mette il bavaglio a Omero Ciai e a Repubblica
Di Annalisa (del 28/01/2010 @ 00:35:42, in Dis-informazione/Des-información, linkato 2066 volte)

(manifestazione pro-Chávez a Caracas di questi giorni)

La decisione di questi giorni  del governo venezuelano  di sospendere  momentaneamente  le trasmissioni via cavo all’emittente   Rctv International che trasmette da Miami  in Florida, in attesa che si metta in regola con la legge nazionale Ley Resorte, non poteva  non scatenare la solita bagarre mediatica disinformativa su ciò che  realmente accade nel paese e sulle politiche adottate dal presidente Hugo Chávez.

Già nel 2007 la decisione del governo, dettata da esigenze di redistribuzione equa dello spazio radioelettrico disponibile, di non rinnovare il contratto  all’emittente  (che infatti da allora trasmetteva via cavo),  aveva scatenato  violente proteste da parte dell’opposizione, appoggiate da tutto l’apparato mediatico internazionale, soprattutto statunitense ed europeo, che sostiene  e finanzia quegli stessi poteri  che già nell’aprile del  2002 avevano tentato di rovesciare Chávez con un colpo di Stato.  Proprio nel 2002 si resero evidenti tra l’altro, le complicità esistenti tra le oligarchie nazionali imprenditoriali e commerciali, i mezzi di comunicazione privati (tra cui Rctv) e la Cia  (e le sue “agenzie” Ned e Usaid) nella realizzazione del golpe.
 
Marcel Granier, presidente di Radio Caracas Televisión Internacional (Rctv International)  in varie occasioni si è  rifiutato  di trasmettere dalla sua televisione i messaggi presidenziali e non ha rispettato le regole di programmazione soprattutto relativamente  alla  tutela delle fasce protette. Credendo di godere piena libertà e autonomia per il fatto di trasmettere via cavo, Rctv deve adeguarsi adesso su indicazioni della Commissione Nazionale delle Telecomunicazioni (Conatel)   alla normativa vigente per le emittenti nazionali. Secondo Conatel  infatti,  l’emittente e con lei un’altra ventina di televisioni private sarebbero tenute  al rispetto della  normativa nazionale della Ley Resorte per il fatto  di essere a tutti gli effetti emittenti nazionali, avendo, come nel caso di Rctv, addirittura una programmazione nazionale di molto superiore al 70% del totale.
 
Tra le libertà di cui credeva di godere Rctv,  c’era  evidentemente anche  quella di evocare dai suoi schermi  a una “soluzione militare” in Venezuela,  dichiarazione fatta durante un’intervista dal presidente della Federcámaras (la nostra Confindustria) il 14 gennaio scorso.
 
Il ministro del Potere Popolare per le Opere Pubbliche e presidente di Conatel,   Diosdado Cabello, che per le dichiarazioni del presidente della Federcámaras Noel Alvarez,  ha sporto regolare denuncia,  ha dichiarato che le televisioni potranno riprendere le loro regolari trasmissioni una volta messe in regola con la normativa vigente, che “comprende anche l’obbligo di trasmettere i discorsi e i comunicati ufficiali del presidente”.
 
In Venezuela, come accadde due anni fa, l’opposizione  ha colto in questi giorni l’occasione per mandare in strada decine di giovani delle università private in mobilitazioni di protesta dirette verso la sede della Conatel. Si sono registrati scontri tra opposizione e  militanti  chavisti, due dei quali, un ragazzo di 15 anni , appartenente al Psuv (Partito Socialista Unito del Venezuela) e uno studente universitario di 28 anni hanno perso la vita uccisi a colpi di arma da fuoco  e 9 agenti di polizia sono rimasti feriti.
 
Sull’onda delle dichiarazioni apparse sulla stampa venezuelana, per la maggior parte in mano a grossi gruppi imprenditoriali privati e ostili al governo,  anche in Italia e in Europa (El  País in testa), seguendo il copione di quanto avvenuto nel 2007 in occasione del  mancato rinnovo del contratto a Rctv,  si è parlato di “chiusura di televisioni”,  “censura” e o “il regime”.
 
Mentre Televideo (Rai) riporta  che “Rctv nel  2007 era stata esclusa dalle trasmissioni in chiaro per non aver trasmesso un discorso ufficiale del presidente Chávez”, La Stampa, unisce la disinformazione e l’ignoranza in materia alla malafede. Nella versione online del giornale torinese il titolo dell’articolo senza firma : “Venezuela, scontri per le tv oscurate muore uno studente di 15 anni” e il sottotitolo: “S'è dimesso il vicepresidente, era pure ministro della Difesa” fanno pensare che le due notizie siano in qualche modo collegate.
 
Innanzitutto va ribadito che il ragazzo morto  era un militante del partito governativo chavista Psuv, quindi non un dettaglio trascurabile  e che  è stato ucciso dai manifestanti dell’opposizione. Il titolo de La Stampa invece lascerebbe supporre che sia stato ucciso dalla polizia.   Inoltre  le dimissioni del vicepresidente e ministro della difesa Ramón Carrizales (e quelle di sua moglie che era ministro dell’Ambiente) non sono legate, come lo stesso Carrizales ha dichiarato,  a dissapori con la politica del presidente Chávez. Anche se fonti anonime assicurano che sono dovute alla decisione del presidente di includere tra gli alti vertici delle Forze Armate militari cubani, sicuramente però  nulla hanno a che vedere con la vicenda Rctv e ancora meno con la morte del giovane 15enne come farebbe credere invece l’articolo pubblicato su La Stampa.it.
 
Le altre agenzie di notizie non sono da meno: AGI: “Opposizione in strada, muore un 15enne”; TGCOM: “Venezuela oscurata TV anti – Chávez, Rctv  non ha trasmesso i suoi discorsi”; ANSA: “Venezuela sospesa  tv di opposizione”; Rai News 24: “Chávez mette il bavaglio alle TV”.
 
Rilevando che nessuno fa notare che   per le emittenti televisive esiste in qualsiasi paese al mondo l’obbligo di trasmettere i discorsi o le comunicazioni presidenziali, sappiamo  che a ben vedere in Italia siamo messi molto peggio: esiste infatti una sezione specifica della RAI che si chiama Struttura Rai Quirinale e che si occupa delle informazioni e delle trasmissioni che provengono direttamente dal palazzo del Quirinale e che riguardano il Presidente della Repubblica.
Tale struttura è posta sotto la supervisione del Direttore Generale della RAI.
 
In tale caos disinformativo che diventa quasi  consuetudine quando si tratta di vicende legate al presidente Hugo Chávez,  sorprende questa volta  il silenzio dei due principali quotidiani nazionali, la Repubblica e il Corriere della Sera.
 
La Repubblica, che si è sempre distinta in passato con i suoi articoli a firma Omero Ciai  fortemente critici contro il governo Chávez, soprattutto due anni fa in occasione del mancato rinnovo del contratto a Rctv, adesso stranamente tace.
Nessun articolo  su Chávez “dittatore” o  “populista”, nessun articolo sulla mancanza di libertà in Venezuela, nessun articolo che parli di “censura” o “televisioni oscurate”.
Nemmeno nessun articolo sia sul cartaceo che sulla versione online del  Corriere della Sera.
Il motivo è presto chiarito. Già da oggi infatti  le agenzie battono la notizia  di un mega investimento di Eni in Venezuela. Un accordo “storico” lo ha definito addirittura  Paolo Scaroni, amministratore delegato della ditta italiana.
 
L’Eni investirà in Venezuela almeno 7 miliardi di dollari in progetti che vanno dalle estrazioni nei giacimenti di greggio pesante nella fascia dell’Orinoco, alla costruzione di centrali elettriche, alla costituzione di imprese miste con Pdvsa (la compagnia petrolifera statale venezuelana).
 
Chi ha ancora il coraggio di parlare di libertà di stampa nel nostro paese? Chi crede ancora alle falsità opportunistiche  raccontate da giornalisti come Omero Ciai al soldo di un giornale a sua volta servo del potere? E vogliamo ancora credere che a muovere l’informazione  sia il potere politico? Non è piuttosto ancora una volta  il potere economico, quello delle multinazionali o delle  grandi lobby  a dettare le regole e a pagare gli stipendi ai giornalisti?