\\ : Articolo : Stampa
Giornata continentale di protesta per le Vittime di Sucumbíos
Di Annalisa (del 05/03/2009 @ 10:00:00, in LIMEDDH, linkato 590 volte)

Il due marzo  2009 è stata designata Giornata Continentale di Protesta per le Vittime di Sucumbíos  per ricordare i quattro ragazzi messicani massacrati un anno prima, precisamente  il primo di marzo del 2008 in Ecuador, nel corso dell’attacco contro l’accampamento delle FARC realizzato dall’esercito colombiano e dall’aviazione statunitense dove sono rimasti uccisi anche una ventina di guerriglieri e il numero due delle FARC,  Raúl Reyes.

Per capire bene quello che è accaduto a Sucumbíos,  quella tragedia di un anno fa  va  contestualizzata rispetto  agli altri avvenimenti che si stavano svolgendo in quei giorni nella regione.

Innnanzitutto si era appena concluso a Quito  il II congresso della Coordinadora Continental Bolivariana, una grande movimento che raggruppa studenti, giovani, movimenti sociali e associazioni latinoamericane che lottano e si confrontano per la costruzione di una grande America latina bolivariana.

Al congresso avevano partecipato migliaia di delegati da tutta la regione e anche da altri paesi. I cinque giovani messicani avevano appena lasciato Quito prima di recarsi a Sucumbíos e nel campo delle FARC erano stati preceduti da  una delegazione di studenti cileni.

Inoltre  va ricordato che in quei giorni in Ecuador si stavano svolgendo importanti e decisive trattative tra le FARC da una parte e il  governo  francese, ecuadoriano, ma soprattutto quello venezuelano di Hugo Chávez dall’altra,   volte alla liberazione di Ingrid Betancourt e di altri ostaggi nelle mani della guerriglia colombiana.

Trattative che avevano portato alla  liberazione nel gennaio del 2008,  di Consuelo Gonzales de Perdomo e di Clara Rojas e la promessa proprio da parte di Reyes della liberazione dell’ex candidata presidenziale.

La prima considerazione da fare è infatti proprio questa  ed è strettamente legata al ruolo di  Hugo Chávez. Il governo colombiano e quello statunitense sicuramente non accettavano di buon grado  il suo crescente prestigio e i suoi successi nelle trattative per la liberazione degli ostaggi.  Hugo Chávez e la senatarice colombiana Piedad Córdova stavano ottenendo quello che il governo di Álvaro Uribe e anni di politica di “sicurezza democratica” non erano riusciti ad ottenere.

L’attacco colombiano al campo delle FARC fu condannato duramente da tutti i governi che erano direttamente coinvolti nelle trattative: Ecuador e Venezuela ruppero le relazioni diplomatiche con la Colombia e schierarono i rispettivi eserciti ai loro confini. Si rischiò lo scontro, evitato per un soffio e grazie alla diplomazia, mentre il  ministro degli esteri francese  dichiarò che “la morte di Reyes non era affatto una buona notizia dal momento che egli era  l’uomo delle FARC con le quali parlavamo e con il quale avevamo contatti per la liberazione di Ingrid Betancourt”.

I cinque giovani  messicani si sentivano sicuri nel campo delle FARC a Sucumbiós in quanto il campo  si trovava in Ecuador e non in Colombia e perchè era un luogo di mediazione internazionale e di politica. Non era infatti un campo militare.

Era un accampamento  frequentato da molti giovani, tanto che il giorno prima era stato lasciato da studenti cileni.  Ma cosa potevano cercare degli studenti in un campo di guerriglieri?

Innanzitutto erano mossi dal desiderio di partecipazione alla vita politica latinoamericana e ai suoi cambiamenti, erano mossi da impegno civile, politico e sociale, ma anche e soprattutto dal desiderio di conoscenza e di approfondimento.

In quel campo sono stati uccisi  Verónica Natalia, Juan, Soren e Fernando ma avrebbero potuto trovare la morte anche  deputati, giornalisti o  ministri.

I genitori dei quattro ragazzi deceduti e i genitori di Lucía Morett, l’unica sopravvissuta al massacro, hanno costituito  qualche mese fa  la Asociación Padres y Familiares de las Victímas de Sucumbías con lo scopo di riscattare la memoria dei loro figli e di chiedere giustizia nei confronti del governo colombiano vero  responsabile della strage.

Dei ragazzi è stato detto di tutto. Dalle autorità colombiane immediatamente dopo l’attacco al campo delle FARC per voce  direttamente del presidente Uribe e del vicepresidente Santos in conferenza stampa e quindi riportato da tutti i media: che erano terroristi, narcotrafficanti e che si trovavano in Ecuador per preparare attentati da realizzare  nel loro paese. L’opinione pubblica messicana fu influenzata notevolmente dalle notizie che giungevano dai mezzi di comunicazione  colombiani. L’estrema destra messicana denunciò immediatamente, già alcuni giorni dopo il fatto di Sucumbíós,  Lucía Morett ed altri 15 giovani messicani tra i quali anche i quattro deceduti alle autorità . La denuncia partì da un dirigente di un gruppo di estrema destra, il Yunque, l’ala più radicale e intollerante del Partito di Azione Nazionale del presidente Felipe Calderón, (che recrimina proprio a Calderón di non prendere misure abbastanza repressive e restrittive contro la sinistra messicana e i movimenti sociali del paese).

 

....

Per ricordare i ragazzi messicani morti in Ecuador sono state organizzate varie attività che si sono realizzate contemporaneamente in Messico,  Argentina, Canada, Colombia, Cile Spagna, Ecuador, Francia, Nicaragua e Venezuela.

Il bollettino n. 7 è stato consegnato  a tutte le rappresentanze diplomatiche colombiane di questi paesi. In Messico si è realiizzata una grande manifestazione che dal ministero degli Esteri è arrivata fino all’ambasciata colombiana.

In Italia il giorno sabato 28 febbraio si è parlato di quanto è accaduto all’emittente locale romana Radio Onda Rossa e lo stesso si è fatto lunedì pomeriggio quando è stato intervistato Adrián Ramirez presidente della LIMEDDH, Lega Messicana per la Difesa dei Diritti Umani.

Personalmente ho consegnato invece all’ambasciatore colombiano a Roma, Sabas Pretelt de la Vega il bollettino n. 7 (che si è rifiutato di firmare in segno di accettazione), il quale ha pienamente confermato la versione governativa dell’accaduto ma soprattutto ha ribadito che i ragazzi erano nell’accampamento in addestramento presso la guerriglia e che al fatto che stavano lì per motivi di studio e che erano testimoni internazionali di   una soluzione diplomatica e pacifica del conflitto colombiano con l’obiettivo di uno scambio umanitario, credono “solo i loro genitori”. Praticamente il governo colombiano aveva tutto il diritto di bombardare quel campo delle FARC, ritiene l’ambasciatore, in barba ai trattati internazionali sull’inviolabilità dei confini territoriali e al Diritto Internazionale dei Diritti Umani.

Qui una parte della trasmissione di Radio Onda Rossa di sabato 28 febbraio.

QUESTO IL CONTENUTO DEL BOLLETTINO N. 7 - scaricabile qui

      -          Editoriale dell’ Associazione dei Genitori e dei Familiari delle vittime di Sucumbiós.

-          Un anno fa a Sucumbíos, in Ecuador

-          Ho conosciuto Chac...

-          Ho conosciuto Soren Ulises

-          Ho conosciuto Verónica

-          Ho conosciuto Juan

-          Parla Lucía a un anno dal massacro

-          Militarizzazione in America latina – intervista ad Ana Esther  Ceceña, coordinatrice dell’Osservatorio Latinoamericano di Geoplotica

-          Memoria storica di Verónica Oikión  Solano, El Colegio de Michoacan

-          Lettera di Lucía

-          Comunicato alle Organizzazioni sociali, politiche e studentesche, ai popoli latinoamericani, ai popoli del mondo, ai mezzi di comunicazione