\\ : Articolo : Stampa
Hollman Morris intervistato da Maurizio Torrealta
Di Annalisa (del 21/04/2008 @ 22:58:04, in Dis-informazione/Des-información, linkato 747 volte)
E’ interessante la visione di questo video. E’ l’intervista che Hollman Morris, giornalista e scrittore colombiano, recentemente premiato da Human Right Watch per il suo impegno nella denuncia delle violazioni dei diritti umani nel suo paese,  ha concesso a Perugia dove si trovava in occasione del Festival Internazionale di Giornalismo, a Maurizio Torrealta di RaiNews24.
E’ interessante e affascinante nello stesso tempo sentir parlare  Hollman del suo paese e del conflitto colombiano. E' terribile anche.
E' illuminante l'intervista,  in quanto dimostra chiaramente attraverso le  prime due domande rivolte al giornalista dagli studenti di giornalismo, la   visione “etnocentrica” del conflitto colombiano, che tante volte qui ho criticato. Ad un Morris che parla di sé e degli altri giornalisti, minacciati dallo stesso potere al governo, costretti a vivere sotto scorta, di un lavoro rischioso e pericoloso, ebbene sembra che la cosa più interessante e giornalisticamente importante  per questi giovani ragazzi sia  soltanto la sorte di Ingrid Betancourt. Sembra anche che Morris faccia  una fatica tremenda per far  capire  poi che in Colombia non è che le Farc stanno da una parte, i paramilitari dall’altra e lo Stato in mezzo “a garantire un ordine”...ma Stato e paramilitari vanno a braccetto. E questo si sa, a queste latitudini sembra difficile da capire, soprattutto se viene attuato dal governo di un presidente "democraticamente eletto" come Uribe e con un così "alto consenso" come riportano  tutti i sondaggi colombiani.
Sembra sussultare  letteralmente Torrealta a queste parole di Morris: “insisto, sottolineo che oggi il presidente Uribe di fronte alle denunce che abbiamo fatto sulla corruzione dei funzionari di questa amministrazione, funzionari che sono legati ai paramilitari, quindi davanti alle denunce che ha fatto il mondo del giornalismo, il presidente ha iniziato a delegittimarci, a dirci che siamo dei bugiardi irresponsabili...”  e cede prontamente la parola agli studenti di giornalismo.
Basta così Morris, stai parlando troppo anche in Italia.