\\ : Articolo : Stampa
La miseria dello sviluppo
Di Annalisa (del 17/10/2009 @ 20:47:21, in Briciole/Migas, linkato 520 volte)
Se un giorno gli eventi rivelassero per quella che è la storia dell’Uomo, questo apparirebbe in tutta la sua fragilità e tragicità.
Una piccola presenza in un universo infinito e di cui nonostante ciò egli si sente padrone e signore assoluto.
Ignaro o forse sprezzante delle leggi cosmiche e naturali ne crea via via delle nuove adattando la natura, l’ambiente , gli eventi  a se stesso ed alle sue priorità.
In questa sua inadattabilità, in questa sua ansia di soggiogare tutto alle sue esigenze, sta la sua fragilità ed il seme stesso della sua decadenza e fine. Un giorno, un giorno lontano, non ci sarà più nulla da modificare, tutto sarà già permanentemente mutato e allora all’uomo, piccola presenza in un universo infinito non resterà altro da fare che adeguarsi allo scempio che ne ha fatto. A.M.
 
…..
"La miseria dello sviluppo" è anche un bellissimo libro dello storico Piero Bevilacqua che vale senz'altro la pena di leggere...